Elaborando i risultati emersi dal recente studio dalla società di ricerca Blockchain Chain-Analysis in ambito di cyber-sicurezza per aziende e minacce digitali, è emerso come l’anno appena trascorso si è concluso con un incremento pericoloso degli attacchi Ransomware a società e imprese sia in Europa che in tutto il resto del mondo.

Nel 2023 infatti, a causa di questi attacchi, oltre un miliardo di dollari è stato speso in riscatti, ai danni di compagnie e aziende di qualsiasi settore o dimensione. 

Per capirci, l’anno precedente l’ammontare complessivo era di poco superiore ai 500 milioni, segnando così una preoccupante e alquanto rapida crescita verticale del fenomeno

Se consideriamo l’altrettanta rapidità con cui la tecnologia si sviluppa e diviene via via sempre più complessa, è evidente come sia urgente da parte di autorità competenti, fornitori di servizi e produttori di soluzioni di cybersecurity una risposta rapida, efficace e soprattutto solida, che garantisca ad imprese e cittadini un utilizzo del digitale sicuro e protetto.

Ma, innanzitutto, che cos’è un Ransomware?

Si tratta di una tipologia di malware che, come dice il nome “Ransom”/(riscatto .ndr),  applica un sequestro da remoto del dispositivo, bloccando una porzione di dati o l’intero sistema dell’utente (in questo caso aziende, ma vale ugualmente per i civili) richiedendo un riscatto economico per lo sblocco del pc o delle informazioni rubate.

Quali contromisure hanno a disposizione le imprese per tutelare le proprie informazioni e interessi?  

Nell’era digitale attuale in cui viviamo, contraddistinta da una rapida e continua evoluzione, la cybersecurity è, e dovrebbe rappresentare sempre, una priorità critica per le aziende di qualsiasi dimensione.

Rimanere costantemente aggiornati e protetti diventa quindi un punto fondamentale a fronte del carico oneroso che potrebbe rappresentare la perdita dei propri dati. Se riguardiamo infatti l’ammontare dei riscatti citato in testa all’articolo, una piccola spesa iniziale è in grado di prevenire un grande danno in futuro.

L’intelligenza artificiale e il machine learning, ad esempio, in quanto soluzioni in costante sviluppo, rappresentano una risposta d’avanguardia alle minacce digitali. Adottando soluzioni basate su AI per rilevare e prevenire attacchi informatici in tempo reale, è possibile proteggere le reti aziendali con maggiore precisione.

Data la progressiva migrazione di massa delle aziende verso ambienti cloud, la cloud-security diventa un aspetto fondamentale. 

Le soluzioni di sicurezza cloud offrono infatti una protezione per i dati maggiore grazie alla scomposizione fisica e geografica dei dati, garantendo al contempo la conformità normativa e la resilienza contro le minacce online.

Le applicazioni aziendali sono un’altro tipo di obiettivo spesso bersaglio degli attacchi informatici. Investendo in soluzioni di sicurezza potenziate che schermano le applicazioni dalle possibili vulnerabilità del software, garantiscono che l’utilizzo di software fondamentali per l’operatività aziendale sia sempre protetta da minacce esterne e interne.

Queste sono ovviamente alcuni esempi di possibili contromisure versatili per affrontare le possibili minacce digitali quotidiane: va da sé che è comunque fondamentale mantenere sempre il passo con le ultime tendenze e tecnologie per essere sempre sicuri e protetti nel mondo professionale come in quello privato. 

Dunque, investendo opportunamente in soluzioni avanzate, adottando i corretti modelli di sicurezza e promuovendo una cultura di sicurezza informatica all’interno della propria azienda sarà possibile garantire la sicurezza e la resilienza necessarie per continuare ad operare serenamente in questo mondo digitale in continuo cambiamento.